Come pulire il tartufo: i segreti per farlo nel modo migliore

come-pulire-il-tartufo:-i-segreti-per-farlo-nel-modo-migliore

Tartufi bianchi e neri vanno puliti in modi diversi, ma usando sempre la massima delicatezza: ecco tutti i passaggi da seguire

Le domande relative al mondo dei tartufi sono sempre molte: come si cucinano i tartufi? Dove e come si trovano i tartufi? Come si riconosce un tartufo buono? Ce n’è una, però, che invariabilmente ci si pone dopo aver comprato uno di questi straordinari frutti della terra: come si pulisce il tartufo

È meglio lavarlo sotto l’acqua o basta rimuovere i residui di terra con uno spazzolino? E in tal caso, che tipo di spazzolino bisogna usare? Pulire il tartufo, infatti, non è così scontato: bisogna prestare molta attenzione per non rovinarlo.

Quello che non tutti sanno, poi, è che i tartufi non sono tutti uguali. Tartufi bianchi e neri, in base alle loro diverse caratteristiche, non si puliscono allo stesso modo ma, anzi, vanno puliti usando accortezze diverse. Scopriamo insieme, allora, come pulire il tartufo nel modo migliore!

Pulire il tartufo: fatelo solo prima di usarlo in cucina

Quando si compra un tartufo, si nota subito il leggero strato di terra che ne ricopre la superficie. Si tratta di un substrato di terra che permette al tartufo di conservare il suo profumo originario e di conservarsi per qualche giorno. Se non volete usarlo subito, quindi, vi consigliamo di non pulire subito il tartufo e di non eliminare questo strato di terra: servirà per mantenere la fragranza del tartufo e per aiutarlo a conservarsi.

Attenzione, però, se al momento dell’acquisto notate uno strato di terra eccessivo sul tartufo: venditori poco onesti potrebbero usare questa terra in eccesso per nascondere eventuali imperfezioni o muffe nel tartufo stesso.

Non pulire subito il tartufo è fondamentale, se non intendete usarlo immediatamente: per conservare il tartufo nel modo corretto, avvolgetelo in una garza traspirante che consenta il passaggio dell’ossigeno. Dopo questo passaggio, mettetelo in un contenitore di vetro, riponetelo in frigorifero e sostituite la garza quotidianamente. In questo modo, il tartufo conserverà la sua fragranza per quattro o cinque giorni, se si tratta di un tartufo bianco, e per una settimana circa se stiamo parlando di un tartufo nero. 

Come pulire il tartufo nero: acqua e uno spazzolino morbido

La cosa migliore, come dicevamo, è pulire il tartufo solo poco prima di aggiungerlo a un piatto. Ma come si pulisce il tartufo? Anche in questo caso bisogna stare attenti alla varietà di tartufo che si ha davanti: tartufi bianchi e neri, infatti, si puliscono in modi diversi.

Per pulire il tartufo nero bisogna prestare, in generale, più attenzione: i tartufi neri, infatti, proprio a causa del loro colore, possono trarre in inganno e nascondere qualche residuo di terra.

Iniziate, dunque, rimuovendo l’eccesso di terra con un pennellino. Dopodiché, con uno spazzolino a setole morbide, procedete a pulire il tartufo nero mentre lo passate sotto un filo d’acqua fredda. Ricordate, però, di non immergere mai i tartufi, bianchi o neri, nell’acqua: finirebbero per impregnarsi di acqua e perdere tutta la loro fragranza.

Per rimuovere la terra o le imperfezioni dai punti più difficili, poi, potete aiutarvi con la punta di un coltellino: ricordate sempre, però, di usare la massima delicatezza per pulire il tartufo nero, per evitare di rovinarlo. 

Quando lo avrete spazzolato bene, potrete asciugarlo usando un panno o della carta da cucina. Ed ecco qui il vostro tartufo pulito e pronto per l’uso!

Come pulire il tartufo bianco: pennello, spazzolino e panno umido

Anche il tartufo bianco va pulito in questo modo? No, per il tartufo bianco vanno usate accortezze diverse. Se il tartufo nero, per le sue caratteristiche, può essere messo sotto l’acqua e usato anche in cottura, questa regola non vale per pulire il tartufo bianco. Il tartufo bianco, infatti, va usato unicamente a crudo, grattugiato sopra le pietanze, e non va mai pulito mettendolo sotto l’acqua. 

Per pulire il tartufo bianco, infatti, vi basterà avere  disposizione un pennellino, uno spazzolino dalle setole morbide e un panno umido. Il primo passaggio è eliminare l’eccesso di terra che si può trovare sul tartufo. Una volta rimosso, andate a pulire il tartufo con lo spazzolino, sempre molto delicatamente, cercando di eliminare tutta la polvere e i residui di terra rimasti. 

Effettuato anche questo passaggio, non vi resterà che pulire bene il vostro tartufo bianco con un panno umido. 

A differenza del tartufo nero, infatti, il tartufo bianco teme il contatto con l’acqua. La delicatezza di questa varietà di tartufi è estrema e va rispettata usando accortezze diverse: una pulizia troppo violenta, infatti, potrebbe finire per rovinarli. 

Come pulire il tartufo: le cose da ricordare

In definitiva, pulire i tartufi  non è difficile ma, per farlo al meglio, bisogna osservare alcune regole:

  • pulire il tartufo solo poco prima di usarlo;
  • mai immergere i tartufi nell’acqua;
  • per pulire il tartufo nero, munirsi di pennellino, spazzolino a setole morbide e carta da cucina;
  • per pulire il tartufo bianco, tenete a portata di mano un pennellino, uno spazzolino e un panno umido.

Ora che conoscete tutti i segreti su come pulire il tartufo nel modo migliore, non vi resta che metterli in pratica. E dal momento che la stagione del bianco pregiato sta per iniziare… quale occasione migliore per farlo?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi